venerdì 18 gennaio 2013

Due parole con La notte dei lunghi coltelli



Sarà una notte dei lunghi coltelli quella che si annuncia questi schermi… che notte! Sì, con la voce rotta dall’emozione annuncio l’arrivo in palude di questo nuovo soggetto musicale, atteso da molti, annunciato come qualcosa che spacca e riapre i giochi: è qui con noi Karim Qqru degli Zen Circus a presentare il suo nuovo progetto solista. Solista per modo di dire, perché in Morte a credito hanno lavorato, oltre a lui, anche Izio Orsini e Ale Demonoid Lera, e un sacco di ospiti cult, quali Nick Manzan, Diego Pani, Emanuele Braca, Aimone Romizi, nomi già sentiti da queste latitudini. Insomma, un progetto forte, non solo nei titoli e riferimenti, ma anche nel gruppo.
In uscita il 22 gennaio con la Black Candy Records, label fiorentina che ho sempre seguito ad occhi chiusi, per l’estrema semplicità nel fare le cose belle, Morte a credito è un disco duro, adatto ai tempi duri (John Belushi insegna). Un percorso in nove tappe dentro il lato oscuro della Storia (e delle storie) degli uomini. Un rock denso, hardcore ed elettronico, punk e sperimentale. Nove pezzi dove il gusto per la parola si sente, come l’autore citato in modo esplicito nel titolo, quel Louis Ferdinand Céline sempre maledettamente attuale. E allora porte aperte a La notte dei lunghi coltelli. Pronti?     

Etichette: , , , , , , , , , , , , , , , ,

107 Commenti:

Alle 18 gennaio 2013 21:32 , Anonymous Anonimo ha detto...

Buona sera.

 
Alle 18 gennaio 2013 21:32 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao, benvenuto in palude ...

 
Alle 18 gennaio 2013 21:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Spero sia stato un viaggio piacevole ...

 
Alle 18 gennaio 2013 21:33 , Anonymous Anonimo ha detto...

Grazie mille. Devo dire che è davvero particolare fare un'intervista così. Molto bello:)

 
Alle 18 gennaio 2013 21:34 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie a te, è un piacere averti ospite qui...

 
Alle 18 gennaio 2013 21:34 , Anonymous Anonimo ha detto...

Piacere mio.

 
Alle 18 gennaio 2013 21:35 , Blogger Alligatore ha detto...

... anche perchè Morte a credito non è un disco che si ascolta tutti i giorni, e quando si inizia non si vorrebbe smettere più. Ma bando alle sviolinate, lo faccio partire e se vuoi vado con le domandone...

 
Alle 18 gennaio 2013 21:36 , Anonymous Anonimo ha detto...

Vai pure:)

 
Alle 18 gennaio 2013 21:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Bene, partito ... e allora ti chiedo: come è nato?

 
Alle 18 gennaio 2013 21:37 , Blogger Alligatore ha detto...

Come è nato “Morte a credito”?

 
Alle 18 gennaio 2013 21:39 , Anonymous Anonimo ha detto...

Morte a credito è nato di notte in vari hotel, durante il tour di "Nati per subire" degli Zen. Volevo riprendere un discorso interrotto 10 anni fa, ovvero quando smisi di suonare la 6 corde e di cantare, con i Lillayell, il gruppo che avevo prima degli Zen.

 
Alle 18 gennaio 2013 21:40 , Anonymous Anonimo ha detto...

Volevo infilare una serie di passioni, musicali (e non) in un album.

 
Alle 18 gennaio 2013 21:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Direi che passioni ne sento e vedo parecchie, a partire da questo titolo, così grande....

 
Alle 18 gennaio 2013 21:41 , Blogger Alligatore ha detto...

Perchè questo titolo?

 
Alle 18 gennaio 2013 21:42 , Blogger Alligatore ha detto...

…un omaggio chiarissimo ad un libro di culto… ma non solo.

 
Alle 18 gennaio 2013 21:42 , Anonymous Anonimo ha detto...

Beh, "Morte a credito" è un libro che ha avuto un peso non da poco nella mia adolescenza. E non solo.

 
Alle 18 gennaio 2013 21:43 , Anonymous Anonimo ha detto...

Quando lo lessi la prima volta avevo 13 anni. Ero abituato ad altre letture e fu come una martellata in testa.

 
Alle 18 gennaio 2013 21:44 , Blogger Alligatore ha detto...

... e non solo. Anche perchè di riferimenti, vicini a questo, nel cd ne troviamo molti.

 
Alle 18 gennaio 2013 21:45 , Anonymous Anonimo ha detto...

ILa figura di Céline è imponente a mio avviso. È riuscito a buttare nella carta la rabbia, la morte, la storia e l'uomo come pochi.

 
Alle 18 gennaio 2013 21:46 , Blogger Alligatore ha detto...

Una martellata in testa ... potrebbe essere una buona definizione anche per il cd. Una martellata in testa salvifica.

 
Alle 18 gennaio 2013 21:46 , Anonymous Anonimo ha detto...

Nel disco ho provato a mescolare elementi e scrittori che riescono ad emozionarmi da anni. Céline, Camus, Tolstoj, Prévert, la Mitteleuropa, la seconda guerra Mondiale e tante altre cose.

 
Alle 18 gennaio 2013 21:47 , Anonymous Anonimo ha detto...

Se devo essere sincero sono molto contento del risultato. Sono molto critico verso i dischi ai quali prendo parte, a volte troppo...sono un rompicoglioni e spesso porto la gente all'esasperazione:)

 
Alle 18 gennaio 2013 21:48 , Blogger Alligatore ha detto...

... e fai bene.

 
Alle 18 gennaio 2013 21:48 , Blogger Alligatore ha detto...

;)

 
Alle 18 gennaio 2013 21:49 , Anonymous Anonimo ha detto...

Beh, dipende dai punti di vista, ahaha

 
Alle 18 gennaio 2013 21:49 , Blogger Alligatore ha detto...

... e allora, dimmi come è stata la genesi di "Morte a credito"? ... dall’idea iniziale alla sua realizzazione finale.

 
Alle 18 gennaio 2013 21:53 , Anonymous Anonimo ha detto...

Avevo delle immagini in testa. Tutto questo prima di cominciare a scrivere i brani. Con il tempo ho iniziato a buttare giù dei testi e dei riff. I primi tempi il disco stava prendemdo una piega molto più estrema come sonorità...ma era anche molto poco personale. Dopo qualche mese ho coinvolto Izio Orsini nell'arrangiamento dei brani, è stata una manna dal cielo per la parte elettronica. Dopo una preproduzione fatta nella cantina di casa mia (un posto inquietante, un sotterraneo del 1500 dove tenevano i cadaveri prima della sepoltura durante le epidemie) siamo andati in studio da Lorenzo Buzzigoli di Black Candy Records.

 
Alle 18 gennaio 2013 21:54 , Anonymous Anonimo ha detto...

È cambiato molto in corsa dal punto di vista stilistico.

 
Alle 18 gennaio 2013 21:54 , Anonymous Anonimo ha detto...

In studio è stato fatto quasi tutto alla prima, la registrazione è durata pochissimo.

 
Alle 18 gennaio 2013 21:55 , Blogger Alligatore ha detto...

... una cantina del 1500 dove tenevano i cadaveri prima della sepoltura durante le epidemie ...
Ha influito questo sul disco?

 
Alle 18 gennaio 2013 21:58 , Anonymous Anonimo ha detto...

Sembra una cazzata a dirla, ma in parte si. Ci sono alcune registrazioni che abbiamo tenuto in modo definitivo anche nel disco. Vedi la traccia fantasma. Diciamo che ad un certo punto io ed Izio ci siamo cagati addosso. Iggy il mio cane non voleva scendere e quando lo portavo giù guaiva e scappava. Molta suggestione eh, ma tant'è...

 
Alle 18 gennaio 2013 21:59 , Blogger Alligatore ha detto...

Ah, ah, ah ... bella quella del cane.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:00 , Blogger Alligatore ha detto...

Qualche episodio che è rimasto nella memoria durante la lavorazione di questo cd? ... a parte questo.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:00 , Anonymous Anonimo ha detto...

Poi sia com'è, Iggy è un supercanetto coraggioso, quindi è scoppiato il panico, ahahaha

 
Alle 18 gennaio 2013 22:02 , Anonymous Anonimo ha detto...

C'è stato un momento preciso durante la registrazione a Prato, nello studio di Lorenzo, durante il quale ci siamo resi conto che le cose stavano cominciando a funzionare. Vennero due ospiti a trovarci e dopo aver fatto ascoltare i primi brani registrati, notammo che erano rimasti ammutoliti per la violenza sonora del tutto.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:03 , Blogger Alligatore ha detto...

... ci credo, chiamandosi Iggy poi.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:03 , Anonymous Anonimo ha detto...

In studio ti rendi conto che il lavoro che stai registrando funziona, da piccoli dettagli.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:05 , Anonymous Anonimo ha detto...

Veniva fuori tutto con una naturalezza molto stimolante. Ci sono stati pochissimi momenti di impasse

 
Alle 18 gennaio 2013 22:05 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, devo dire che ha un impatto molto forte, violenza sonora, mi sembra una definizione giusta. E non sembra studiata a tavolino, ma nata in un crescendo di idee e storie... anche con la S maiuscola.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:06 , Blogger Alligatore ha detto...

... e allora domandona classica: se “Morte a credito” fosse un concept-album su cosa sarebbe? …

 
Alle 18 gennaio 2013 22:07 , Anonymous Anonimo ha detto...

Questo disco potrà giustamente anche non piacere (e ci mancherebbe altro) Ma è stato fatto con molta naturalezza, non mi sono messo a fare piani a tavolino, anche perchè quando procedi in quel modo, molto spesso il disco di merda è dietro l'angolo.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:09 , Blogger Alligatore ha detto...

La senzanzione è questa, di un disco nato da passioni, fatto per il gusto di farlo, e venuto così ...con naturalezza. Questa è uno dei suoi punti forti.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:11 , Anonymous Anonimo ha detto...

Beh credo che sarebbe un concept sulla lordia dell'animo umano, sui lati grotteschi e cinici che alla fine risiedono in tutti noi. Volenti o nolenti siamo fatti di carne e sangue e la paura della morte ci attanaglia. In vari modi certo, ma è un tratto comune a tutti. E la paura della morte spesso, direttamente o indirettamente sta alla base di molte delle nostre azioni e dei nostri sentimenti.L'amore, l'ego, la cattiveria, il potere, la paura.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:12 , Anonymous Anonimo ha detto...

volevo precisare che io in cantina non ho avuto paura ! saluti dal cage

 
Alle 18 gennaio 2013 22:13 , Blogger Alligatore ha detto...

Contraccambio i saluti ... direi che è stata una discesa agli "inferi", sia fisica che mentale... se avessi avuto paura tu, non sarebbe uscito nulla di buono.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:14 , Anonymous Anonimo ha detto...

Izio, non mentire:) Ci stavamo per tenere la mano e piangere, ahahah

 
Alle 18 gennaio 2013 22:15 , Anonymous Anonimo ha detto...

un po' si lo ammetto !

 
Alle 18 gennaio 2013 22:15 , Blogger Alligatore ha detto...

Be', in certi momenti, credo sia stato necessario, per andare avanti in questo cuore di tenebra ... ma siete in due ora? Colllegati dalla cantina?

 
Alle 18 gennaio 2013 22:17 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ahahaha, no, io sono a Forlì, lui a Livorno.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:18 , Blogger Alligatore ha detto...

...e allora, ditemi se c’è qualche pezzo che preferite? Qualche pezzo che rappresenta meglio tutto il cd? ... tra Forlì e Livorno, tra la via Emilia e l'inferno ...

 
Alle 18 gennaio 2013 22:19 , Blogger Alligatore ha detto...

E non si offenda nessuno, l'inferno è bello per la compagnia.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:19 , Anonymous Anonimo ha detto...

si sono a livorno , izio from cage theatre, stasera lavoro, infatti vi ho fatto un saluto volante , senno mi brontolano se sto su internet ! magari dopo mi rintrometto ! ciao amici ! w iggy , il canino tanto carino ( l'unico cane mio amico )

 
Alle 18 gennaio 2013 22:19 , Blogger Alligatore ha detto...

... e anche la via Emilia.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:20 , Anonymous Anonimo ha detto...

Secondo me i tre pezzi più rappresentativi sono "La nave marcia" e "La notte dei lunghi coltelli" Fanno un bel quadro dell'album a livello musicale e testuale. Ma anche D'isco deo.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:20 , Blogger Alligatore ha detto...

Ho capito, grazie della visita volante ...

 
Alle 18 gennaio 2013 22:21 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ciao caro. Iggy è qui accanto e ti saluta..

 
Alle 18 gennaio 2013 22:23 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, "D'isco deo" è il pezzo cantato in sardo, e mi ha molto colpito, accanto ai pezzi da te citati, ma anche alla title-track e a "Levami le mani dalla faccia" ... uno dei pezzi che più spacca con entusiasmo contagioso.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:24 , Anonymous Anonimo ha detto...

D'isco deo è uno dei pezzi a cui tengo di più. Parla della Sardegna, che è la mia terra. Ed è tra i miei testi preferiti.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:25 , Anonymous Anonimo ha detto...

Levami le mani dalla faccia ha il testo scritto da Amone dei fask. E ci voleva un pezzo più sbarazzino per alleggerire il tutto, onde evitare di impiccarsi con il filo del telefono:)

 
Alle 18 gennaio 2013 22:26 , Anonymous Anonimo ha detto...

Aimone, pardon.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:27 , Blogger Alligatore ha detto...

Per aprire la strada a "La notte dei lunghi coltelli" ...

 
Alle 18 gennaio 2013 22:27 , Blogger Alligatore ha detto...

“Morte a credito” è uscito con la mitica Black Candy Records, label toscana da sempre capace di rinnovarsi e rinnovare il nostro rock più vivo. Come mai questa scelta? Come avete lavorato insieme?

 
Alle 18 gennaio 2013 22:29 , Anonymous Anonimo ha detto...

Si. È stato il primo testo scritto, la base per spiegare gli umori e le sfumature del nome stesso della band. Musicalmente è stato uno dei brani più arrangiati del disco. Ci saranno 60 tracce aperte, moltissimi strumenti e roba campionata.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, ha del demoniaco, non solo nella voce ;)

 
Alle 18 gennaio 2013 22:31 , Anonymous Anonimo ha detto...

Lorenzo Buzzigoli di BC è il fonico di palco degli Zen. E l'altra metà, Leonardo Giacomelli, lo conosco da anni. Quando entrammo in studio stavamo ancora valutando le offerte, poi, una volta sentiti i brani ci hanno chiesto di lavorare insieme all'album. È stata una questione di 10 minuti accettare l'offerta.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Black Candy ...direi perfetta come scelta.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:32 , Anonymous Anonimo ha detto...

Hanno nel roster band che amo, come gli Appaloosa ed i Bad Love experience.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, conosco il gruppo da 10 anni, hanno sempre avuto stile ...

 
Alle 18 gennaio 2013 22:33 , Anonymous Anonimo ha detto...

Decisamente:)

 
Alle 18 gennaio 2013 22:33 , Blogger Alligatore ha detto...

Anche la copertina dell'album ha un certo stile ...

 
Alle 18 gennaio 2013 22:34 , Blogger Alligatore ha detto...

.... molto semplice e diretta, dal sapore intellettuale. Di chi è opera e come è stata scelta? Nata insieme al cd? Prima, durante, dopo?

 
Alle 18 gennaio 2013 22:35 , Anonymous Anonimo ha detto...

È in tema con l'album, è molto simbolica. Inizialmente volevamo fare una confezione fatta a libro, come i vecchi romanzi della Bur. Ma economicamente era una follia.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:38 , Blogger Alligatore ha detto...

Direi che da quel senso di spontaneità e spinta dal basso, in linea con il disco ...

 
Alle 18 gennaio 2013 22:39 , Anonymous Anonimo ha detto...

È stata pensata da me ed Izio e l'ha finalizzata il bravissimo grafico Daniele Bertelli. Sinceramente l'idea intera del lavoro che ho è un pò distante dalla sfera intellettuale. Non ho lo spessore:) La storia e la letteratura sono due mie grandi passioni, ma amare lo stile di un palazzo non fa di te un architetto:)

 
Alle 18 gennaio 2013 22:39 , Anonymous Anonimo ha detto...

Hai detto benissimo, è perfettamente in linea con il disco.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:40 , Blogger Alligatore ha detto...

Come e dove presenterete/avete presentato l’album? …

 
Alle 18 gennaio 2013 22:41 , Anonymous Anonimo ha detto...

Il tour partirà a metà febbraio e toccherà tutta la penisola.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:43 , Anonymous Anonimo ha detto...

Saremo in tre sul palco: Io, Izio ed Ale Demonoid Lera.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:43 , Blogger Alligatore ha detto...

Allora staremo attenti al web ... non oso pensare all'effeto live di queste 9 (+1), canzoni spacca-coda.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:44 , Blogger Alligatore ha detto...

Per finire: una domanda che non ti ho fatto, un appello, un saluto, qualcosa che non abbiamo detto o qualcuno che non abbiamo ricordato, da fare assolutamente …troppe cose?

 
Alle 18 gennaio 2013 22:45 , Anonymous Anonimo ha detto...

Infileremo un altro paio di cosette oltre alla tracklist del disco. Sarà un live breve e senza pause. 50 minuti secchi.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:46 , Anonymous Anonimo ha detto...

Beh, volevo ringraziare gli ospiti che hanno dato una pennellata a questo disco: Nicola Manzan, Aimone Romizi, Emanuele Branca e Diego Pani.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:47 , Blogger Alligatore ha detto...

Molto puntuali i loro interventi ... un saluto a loro.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:48 , Blogger Alligatore ha detto...

... e devo dire, per dovere di cronaca, che tu avevi accanto un cane, mentre io, come al solito, un gatto. Quindi anche in questo, si sentiva la tensione … una tensione da notte dei lunghi coltelli.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:48 , Blogger Alligatore ha detto...

Ovviamente si scherza.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:48 , Anonymous Anonimo ha detto...

Ahahahahaha, se non ci fossero gli animali, retorica a parte, sarebbe un mondo molto più triste:)

 
Alle 18 gennaio 2013 22:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Questa sera è stato molto allegro allora, cani, gatti, un alligatore ;)

 
Alle 18 gennaio 2013 22:50 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie Karim, grazie anche all’intervento voltante di Izio from Cage Theatre …che magari tornerà dopo, e potrà aggiungere quello che crede su questa nostra chiacchierata giunta al termine.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:51 , Anonymous Anonimo ha detto...

Grazie a te! Ciao e buona serata.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:53 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie altrettanto ... buonanotte e buonafortuna a La notte dei lunghi coltelli.

 
Alle 18 gennaio 2013 22:54 , Anonymous Anonimo ha detto...

:)

 
Alle 18 gennaio 2013 22:58 , Blogger Cirano ha detto...

ottime idee, cantina rinascimentali e misteriose, suoni distorti, rock potente, casa discografica cult! Insomma ci sono tutti i presupposti porgerò l'orecchio.

 
Alle 18 gennaio 2013 23:07 , Blogger Alligatore ha detto...

Bel riassunto ... porgi, porgi l'altro orecchio ;)

 
Alle 18 gennaio 2013 23:24 , Anonymous marti ha detto...

Ascoltata l'anteprima su rockit almeno una ventina di volte. Aspettavo una cosa del genere da tanto. Qualcosa di nuovo finalmente. Una ventata di aria fresca. Le idee che ci sono in questo disco (musica e testi) alcuni le spargono in 5 dischi. Personalita' da vendere e testa colta e molto umile(a differenza di alcuni personaggi dell'indie nostrano, senza fare nomi, che non fanno altro che sboroneggiare ed atteggiarsi ad intellettuali) Se il resto del disco e' all'altezza dei 4 pezzi in download siamo davanti, per me, ad un piccolo capolavoro. Ciao, Martino. P.s. Ma karim abita a forli'? Nel caso contento di essere suo concittadino.

 
Alle 19 gennaio 2013 00:03 , Blogger Alligatore ha detto...

Ciao Marti, benvenuto in palude... concordo con le tue considerazioni. Tra i pezzi su Rockit c'è D'isco deo, che è il pezzo preferito da Karim, e anche dal sottoscritto, come la stessa Morte a credito, ma anche le altre due ben rappresentano un disco che non ha momenti di cedimento. Sì, dico che anche il resto è all'altezza. Karim a Forlì? Chi lo sa? Direi che viaggia molto, tra Sardegna e Toscana, tra la via Emilia e la cantina demoniaca ...

 
Alle 19 gennaio 2013 10:42 , Blogger Eva Aiko ha detto...

Sono più entusiasta del progetto di Karim che di quello di Appino... Ho sentito una robina così ma non mi ha entusiasmato... V.

 
Alle 19 gennaio 2013 11:23 , Anonymous Anonimo ha detto...

non e' molto carino fare paragoni

 
Alle 19 gennaio 2013 13:05 , Blogger Andrea ha detto...

Andrò ad ascoltarli anche solo per il riferimento al mio amato scrittore francese.

 
Alle 19 gennaio 2013 13:17 , Blogger Alligatore ha detto...

@Eva Aiko
Non saprei dirti, per ora ho ascoltato solo La notte dei lunghi coltelli, ti dirò quando sentirò anche quello di Appino. Grazie di essere passata in palude, bello il tuio avatar e il nome del tuo blog (molto interessnte).
@Anonimo
;)... l'intervista continua, ed è,come vedi, molto viva.
@And
Immaginavo, immaginavo, ho pensato a te appena ho visto la copertina del cd ...

 
Alle 19 gennaio 2013 13:31 , Anonymous Anonimo ha detto...

bene mi piacciono le discussioni aperte e molto vive! e complimenti per il format ! la palude ci piace un sacco !

 
Alle 19 gennaio 2013 14:49 , Anonymous Anonimo ha detto...

Karim, convinci anche UFO a fare un disco solista!! Comunque non ho nemmeno ascoltato l'EP su Rockit, solo il singolo, ho proprio voglia di ascoltare tutto l'album senza rovinarmelo! Sono molto entusiasta perché è qualcosa di totalmente differente dal sound del Circo Zen! =D

 
Alle 19 gennaio 2013 15:31 , Anonymous marti ha detto...

ah, ma e' gia' uscita qualche anteprima del disco di Appino? qualcuno puo' darmi il link, sono curiosissimo di sentire! comunque secondo me la notte dei lunghi coltelli sta destando tutto questo interesse perche' e' stata una sorpresa, non se l'aspettava nessuno. e' raro che un batterista (per quanto bravissimo) di una band abbia questa bravura anche al di fuori del proprio strumento ed una padronanza di questo tipo sia testuale che musicale. ha usato generi che esistono da decenni, ma li ha combinati in una maniera nuova ed originale. la cosa che mi ha preso di più e' stata l'immaginario forte che e' riuscito a creare, mettendo insieme un certo tipo di letteratura, la storia e alcuni lati neri dell'uomo. se sommi questo al frullatone musicale dell'album ne viene fuori qualcosa di nuovo. e di questi tempi non e' poco.il tratto fondamentale poi per me e' l'umilta del tutto. si sente che non e' un atteggiamento intellettuale, ma passione pura e' da tanto che aspetto con trepidazione l'uscita di un disco italiano. ciao, martino

 
Alle 19 gennaio 2013 16:01 , Blogger George ha detto...

Bel disco interessante Ally, anzi RIVOLUZIONARIO!

 
Alle 20 gennaio 2013 13:21 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie a tutti, vedo che Morte a credito è un album molto atteso, per quello di Appino, rimando @Marti al web (ci sono alcune anticipazioni, uscirà a marzo, da quello che vedo), per ora mi concentro su La lunga notte dei coltelli, e dico che non c'è competizione, ma belle novità. Aggiungo per @Marti, e per chi non lo sa, che Karim, suona la batteria dal 2000, ma prima è stato il cantante e chitarrista in altri bei gruppi, tipo LWE e Lillayell. Infine dico a @George, che sì, appare all'orizzonte qualcosa di nuovo, quindi qualcosa di RIVOLUZIONARIO ...

 
Alle 20 gennaio 2013 18:05 , Blogger Eva ha detto...

Credo sia un genio solo per il titolo. Un bacio carissimo.

 
Alle 20 gennaio 2013 18:13 , Blogger Felinità ha detto...

sono sempre interessanti le tue bloginterviste musicali Ally. miao

 
Alle 20 gennaio 2013 21:03 , Blogger Alligatore ha detto...

@Eva
Già, è così.
Bacio.
@Fel
Grazie per l'attenzione ... miaoo.

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page