domenica 1 aprile 2018

Bugie sulla strage di Gaza

A Pinocchio gli si allungava il naso quando raccontava bugie, alla stampa italica succederà lo stesso? Sarebbe giusto, almeno ci renderemmo conto di quanta falsità ci sia nel giornalismo di casa nostra, a partire da testate considerate autorevoli, libere e democratiche, invece ... invece sono tutte balle, o in gran parte balle, quelle che ogni giorno scrivono. Guardate come hanno raccontato la strage di venerdì 30 marzo a Gaza, quando la manifestazione pacifica dei palestinesi è stata attaccata armi in mano dall'esercito israeliano, causando una quindicina di vittime.
LEGGI QUI

Etichette: , , , , , , , , , ,

15 Commenti:

Alle 1 aprile 2018 08:28 , Blogger Cavaliere oscuro del web ha detto...

L'esercito israeliano viola ogni giorno i diritti umani, ma la cosa più vergognosa che nessuno fa notare queste cose.
Serena Pasqua.

 
Alle 1 aprile 2018 08:35 , Anonymous Enri1968 ha detto...

Che si fotta tutta questa "stampa" scrivono senza avere alcun inviato sul posto...

Hai fatto bene a dar spazio qui nel blog.

 
Alle 1 aprile 2018 11:43 , Blogger marcaval ha detto...

Vergognosa come è stata descritta la nuova strage di Gaza in Italia come vergognoso quello che raccontano di Afrin in Siria continuando a parlare di esercito turco alleato dell'esercito libero siriano che altro non è che un insieme di bande criminose dello stato islamico. E poi si chiedono perchè vendono sempre meno giornali!

 
Alle 1 aprile 2018 12:29 , Blogger Roberto Paglia ha detto...

Stampa vergognosa. Un vero schifo.

 
Alle 1 aprile 2018 12:35 , Blogger Alligatore ha detto...

@Cavaliere Oscuro del Web
Grazie a te ho incontrato questa interessante pubblicazione online (Dinamo Press), e concordo con il tuo discorso: a Israele è concesso tutto, perché Israele è la potenza Usa e la stampa per niente libera ci si inginocchia davanti tutti i giorni. Grazie per l'augurio, anche se io, da agnostico non festeggio.
@Enti1968
Sì, quella di passare per buone le veline di regime, è un altro bel problema della stampa di oggi, lo ricordava sempre un grande giornalista, Tiziano Terzani.
@Marcaval
Se questa è la stampa scritta, merita di morire all'istante, concordo in pieno, non si possono lamentare se non li leggono, non si possono lamentare se non li votano. Noi siamo una minoranza consapevole, dobbiamo porci obiettivi più ampi, rifacendo da capo partiti e giornali che non rappresentano più nessuno, se non la voce del sistema, sempre più corrotto e criminale.
@Roberto Paglia
Hai sintetizzato alla perfezione tutto il mio pistolotto ideologico qui sopra.

 
Alle 1 aprile 2018 12:48 , Blogger bibliomatilda ha detto...

Grazie All, ho letto con attenzione l'articolo che hai segnalato e altri sullo stesso sito. Dovremmo tutti diffondere il più possibile queste lucide analisi di quanto accade laggiù... purtroppo anche con la sensazione che difficilmente cambierà qualcosa, esageratamente grandi e potenti gli interessi che vorremmo vedere trasformarsi in qualcosa di più umano. Ciao

 
Alle 1 aprile 2018 13:09 , Anonymous franz ha detto...

magari bisognerebbe scrivere che l'evento che più si assomiglia a quello successo a Gaza è il massacro del 16 giugno del 1976, a Soweto, se qualche giornalista italiano volesse

 
Alle 1 aprile 2018 13:09 , Blogger Alligatore ha detto...

@Bibliomatilda
Proprio perché sono esageratamente grandi e potenti gli interessi che vorremmo vedere trasformarsi in qualcosa di più umano, dobbiamo lottare e diffondere. Grazie a te.

 
Alle 1 aprile 2018 13:14 , Blogger Alligatore ha detto...

@Franz
Ciao Franz ... ma secondo te i giornalisti italiani, tirapiedi di potentati economici che sappiamo, sanno fare paralleli così semplici? No, perché il loro mensile ne risentirebbe, tengono famigghia ... semplice, troppo semplice: in Palestina c'è ancora l'apartheid, il Mandela palestinese l'hanno assassinato, dopo aver ridimensionato il suo stato.

 
Alle 1 aprile 2018 13:18 , Blogger George ha detto...

Hai fatto bene Al, ha sengalare questo articolo, e questo interessante giornale, che ho scoperto, come te, dal Cavaliere Oscuro del Web. Oscura come la verità sulla Palestina, sotto aparheid da troppi anni nell'indifferenza mondiale.

 
Alle 1 aprile 2018 13:29 , Blogger Alligatore ha detto...

Vero George, c'è un Pensiero Unico che non ha più vergogna di niente, per questo quando vedo piccole pubblicazioni che dicono la verità non resisto, da piccolissima realtà che dice la verità, qui, da sempre... e poi sì, la Palestina è sotto aparheid da troppi anni.

 
Alle 2 aprile 2018 18:07 , Blogger amanda ha detto...

Grazie per la segnalazione Alli

 
Alle 2 aprile 2018 23:28 , Blogger Alligatore ha detto...

Grazie a te di averla colta Amanda. Mi piace, da sempre, su questi schermi, diffondere idee non allineate.

 
Alle 5 aprile 2018 12:25 , Blogger Anna Bernasconi Art ha detto...

Oramai qualsiasi cosa si legga, ovunque la si legga, non si sa mai se fidarsi... 😩

 
Alle 5 aprile 2018 21:31 , Blogger Alligatore ha detto...

Sì, questo è vero, è colpa di un sistema corrotto e ricattatorio, un sistema unico che non vuole voci fuori dal coro. Possiamo fare qualcosa con i nostri piccoli blog. Io credo di sì, ma io sono un utopista ...

 

Posta un commento

Iscriviti a Commenti sul post [Atom]

<< Home page